25 ottobre 2014

FTO Padova a Dronitaly, oltre a Scuola per Pilota di Droni anche Servizi Aerei con i SAPR


Molto visitato a Dronitaly lo spazio espositivo della F.T.O. Padova che alcuni mesi orsono ha dato alla luce la divisione FTO REMOTEFLY dedicata alla formazione teorica e pratica dell'aspirante pilota di SAPR, i cosidetti droni. Al momento l'unica scuola, riconosciuta ENAC,  che oltre a rilasciare l'attestato di competenza teorica, rilascia il certificato di competenza pratica al pilota, previo superamento degli appositi esami a fine corsi.

La divisione FTOREMOTEFLY punta a fornire un servizio di consulenza completo sia al neofita appassionato sia al professionista orientato alle Operazioni Specializzate con aeromobili a pilotaggio remoto nel rispetto dei rigidi dettami regolamentari di settore.

L’attività di addestramento, in partnership con AERMATICA S.p.A, azienda leader nella produzione di Aeromobili a Pilotaggio Remoto, è finalizzata all’utilizzo operativo professionale sia in aerea non critica che in area critica e prevede la possibilità di conseguire l’abilitazione (Type Rating) sul velivolo “Anteos” A2/MINI.

In occasione di Dronitaly FTO Padova ha previsto una promozione sui corsi, chi si iscrive risparmia: pagherà il corso 500€ invece che 600€. Ancora poche ore di tempo per approffittare dell'occasione, alle 18.00 Dronitaly chiude.


NON SOLO CORSI PER IL PILOTA MA ANCHE SERVIZI AEREI CON SAPR
Oltre ad essere riconosciuta ENAC come organizzazione di addestramento, recentemente  FTOREMOTEFLY ha ottenuto il riconoscimento dall' ente di aviazione civile come operatore specializzato per le operazioni non critiche.  

In questo periodo  FTOREMOTEFLY sta completando l'iter per ottenere l'autorizzazione anche per le operazioni critiche. In questa ottica l'azienda Padovana fornisce servizi con i SAPR per il monitoraggio ambientale, aerofotogrammetria, ispezioni nel settore Oil&Gas, ispezione di campi fotovoltaici, analisi in agricoltura, protezione civile e soccorso, edilizia ed ingegneria civile.

Leggi il Resto »

Dal Broadcast da terra al Live Streaming dal cielo: Fidogroup a Dronitaly


Uno stand piccolo ma in grado di attirare l'attenzione per il concentrato di tecnologia presente in pochi metri quadri: è lo spazio espositivo di Fidogroup a Dronitaly. Colpisce subito il visitatore che si trova a passare da quelle parti, un gigantesco schermo a 4K su cui girano le fantastiche immagini aeree riprese in 4K del cantiere di EXPO 2015.

L'attività, svolta da operatore riconosciuto ENAC,  ricade nell'ambito del progetto "Belvedere in città” di Telecom Italia e Expo 2015 di Milano. Le riprese sono effettuate grazie ad un accordo tra Fidogroup e Skyrobotic, che fornisce il drone multirotore SR-SF6, equipaggiato con una Panasonic GH4 e con un obiettivo appositamente scelto per eliminare l'effetto delle vibrazioni. Il risultato reso sul grande monitor è stupefacente, si può vederlo entro le 18:00.

Fidogroup opera da 20 anni nel settore dei servizi ICT con particolare attenzione alle tecnologie per la comunicazione e gli eventi.Una decina di anni fa ha creato la divisione Digital Media dedicata al Web con un R&D che ha realizzato e realizza prodotti di proprietà assolutamente innovativi, come iWebcasting e TRID, diventando il primo produttore italiano di tecnologie per gli eventi e per la comunicazione Web. Recentemente Fidogroup ha deciso di aggiungere i droni ai propri strumenti di lavoro ampliando ed integrando l'offerta dei propri servizi.

A margine della nostra visita, ci è stato presentato un simpatico strumento multimediale a pilotaggio remoto, stavolta di terra, su cui è installato una sorta di tablet con telecamere e connessione 4G in grado di girare autonomamente per l'ambiente, di registrare e trasmettere live suoni ed immagini e interagire con l'utente.
Leggi il Resto »

SkyRobotic protagonista a Dronitaly


Passeggiando per l'area espositiva di Dronitaly ben presto ci si accorge che il "drone" più mostrato è l'esacottero SR-SF6 della SkyRobotic dimostrando sul campo, qualora ce ne fosse bisogno, che la realtà con sede operativa a Terni è veramente la società italiana di riferimento per il settore dei sistemi a pilotaggio remoto.


Almeno un'esemplare del drone multirotore SR-SF6 è esposto in numerosi stand tra cui quelli di: Aerodron, Fidogroup, Topcon, Geocare oltre che naturalmente presso l'area espositiva della SkyRobotic che, tra l'altro, risulta essere tra le più grandi e più visitate di Dronitaly.

Previsto tra poco, dalle 13.30 alle 14.30 nella sala verde il convegno:" SkyRobotic, prodotti APR e vantaggi competitivi per i voli specializzati "


La Skyrobotic è un costruttore a 360°, produce tutte le componenti del velivolo a pilotaggio remoto compresa l'elettronica di volo e il firmware passando per la Ground Station. Come evidenzia anche il seguente bel video dimostrativo



Leggi il Resto »

Le novità di Aibotix a Dronitaly


Recandosi a Dronitaly, oggi l'ultima giornata dell'evento dedicato ai droni professionali, si può visitare l'area espositiva di Aibotix Italia, società con sede a Roma che offre sistemi multirotore e soluzioni operative altamente automatizzate.

I modelli Aibotix, in particolare l'ultima versione di esacottero V2, sono caratterizzati da un alto livello di sicurezza contro i contatti accidentali delle eliche, garantita dal particolare telaio che le avvolge e le protegge. L' Aibotix può essere pilotato anche tramite Tablet - Pc e dispone di una ground station evoluta.


Presso lo stand Aibotix, molto interessante la piattaforma di atterraggio / ricarica automatica della Skysense a cui l' Aibotix V2 è stato adeguato. Per la ricarica è sufficiente atterrare e attendere il tempo necessario, senza bisogno di intervento umano per rimuovere la batteria. La gestione di tutto il processo può essere effettuata e monitorata in remoto.


AIBOTIX ITALIA PRIMO OPERATORE AUTORIZZATO SU BASE PERMANENTE PER LE OPERAZIONI CRITICHE
Sul fronte del regolamento ENAC, il portavoce di Aibotix Italia ci ha riferito che è imminente il rilascio da parte dell' ENAC dell'autorizzazione come operatore per le operazioni CRITICHE. La società, infatti, è molto attiva anche nel settore dei rilevamenti aerei facendo parte del network Aiviewgroup, un gruppo di professionisti italiani nel settore dei micro-UAV multirotore e ala fissa in grado di offrire una rete completa e diversificata di servizi.

Recentemente, Aibotix Italia aveva ottenuto il riconoscimento come operatore per le operazioni specializzate NON CRITICHE, l'upgrade alle operazioni CRITICHE pone la società ai vertici della categoria degli operatori autorizzati ENAC. Da quando è entrato in vigore il regolamento sui mezzi aerei a pilotaggio remoto non c'è ancora stato un operatore autorizzato su base permanente alle operazioni critiche.


AIBOTIX ITALIA RICONOSCIUTA COME ORGANIZZAZIONE DI ADDESTRAMENTO PER LA PARTE TEORICA E PRATICA 
Sempre secondo le dichiarazioni raccolte, la società è prossima ad offire un servizio completo al cliente che ha la necessità di utilizzare questi mezzi. Aibotix Italia fornirà sia il cosiddetto drone che l'addestramento del pilota, rilasciando ( previo superamento esame ) l'attestato di competenza teorica e l'attestato di competenza pratica. Ciò in qualità di costruttore e di organizzazione di addestramento ufficialmente riconosciuta ENAC
Leggi il Resto »

24 ottobre 2014

Un successo la prima giornata di Dronitaly


Si è appena conclusa la prima giornata di Dronitaly, l'evento dedicato alla filiera dei droni per gli usi professionali. Altissima l'affluenza del pubblico nella mattinata, gremita sia l'area espositiva che l'aula in cui si è tenuta la prima conferenza della kermesse che ha rappresentato l'occasione per fare chiarezza sull'attuazione del Regolamento ENAC per il volo dei droni a 6 mesi dalla sua emissione, alla luce del vademecum aggiuntivo appena pubblicato, insieme ai rappresentanti delle istituzioni: Carmine Cifaldi (ENAC), Giovanni Torre (ENAV), Cosimo Comella (Garante Privacy) e Luca Tagliagambe (Polizia di Stato).

Sono stati verificati anche alcuni effetti che la piena integrazione dei SAPR nello spazio aereo 'non segregato' avrà sui sistemi aeroportuali. Inoltre, è stato delineato l’attuale quadro normativo rendendo anche conto delle iniziative EU, mentre sono state approfondite le tematiche della sicurezza con la Polizia di Stato.

Nel suo intervento, Carmine Cifaldi, Direzione Regolazione Navigabilità ENAC, ha commentato lo stato di attuazione del Regolamento: "Dopo un inizio un po' delicato le cose vanno meglio. Il numero di domande di accreditamento è aumentato moltissimo e cresce esponenzialmente: noi crediamo che il settore stia uscendo dall'illegalità. Certo, resta ancora da lavorare: il Regolamento può e deve essere migliorato, anche con il contributo diretto di chi vuole affrontare un tema complesso come questo, ma con gli aggiornamenti delle linee guida la comprensione da parte degli addetti ai lavori è aumentata sensibilmente. Inoltre, sono in forte aumento le domande anche da parte dei costruttori: in questo modo il mercato potrà stabilizzarsi e questo porterà a prodotti di sempre maggiore qualità, liberando investimenti per la ricerca. Il settore deve trovare una sua dimensione anche nei numeri e quindi l'obiettivo comune è sviluppare un'industria forte in prospettiva: il Regolamento serve a questo scopo".


Giovanni Torre, Responsabile della Funzione Organizzazioni Nazionali del Trasporto Aereo ENAV ha invece richiamato l'attenzione sul fatto che "la mancanza di norme armonizzate a livello europeo e tecnologie convalidate costituisce il principale ostacolo all’apertura del mercato dei sistemi SAPR e alla loro integrazione nello spazio aereo europeo non segregato. Il settore sollecita rapidi passi in avanti verso la creazione di un quadro normativo di sostegno mediante una combinazione di atti normativi nuovi e parzialmente già esistenti a livello europeo, che affrontino tutte le questioni rilevanti, ivi compreso l’inserimento dei requisiti di sicurezza, di protezione e tutela della vita privata e dei dati".

Secondo Luca Tagliagambe, Sostituto Commissario della Polizia di Stato, "c'è un evidente problema che riguarda le sanzioni, che risultano sproporzionate: in merito stiamo lavorando con ENAC per renderle più idonee. In attesa di passi avanti ricordiamo a tutti che la Polizia è in ogni caso obbligata a intervenire in caso di violazione del Regolamento. Inoltre è importante che gli operatori rispettino l'obbligo della 'comunicazione di attività' alla Polizia di Stato, perché non è possibile volare senza".

Infine, Cosimo Comella, Direttore Dipartimento di informatica e tecnologie del Garante per la protezione dei dati personali, nel suo intervento ha evidenziato che "in tema di dati personali raccolti con videoriprese di droni bisogna porre attenzione all'uso ulteriore che se ne può fare. Questo richiede grande attenzione e correttezza da parte degli operatori. Per quanto attiene al quadro normativo, invece, l'autorità italiana sta lavorando con quella europea in tema di privacy, e ha invitato le singole DPA nazionali a collaborare con le CCA del proprio Paese, com'è avvenuto in Italia tra Garante Privacy e ENAC".


DRONITALY CONTINUA ANCHE DOMANI con un intenso programma di convegni e workshop delle aziende presenti a Milanofiori.

Da non perdere l'appuntamento che apre la seconda giornata, "Droni in agricoltura: applicazioni, risultati, vantaggi". I relatori, docenti delle maggiori università italiane, insieme a esperti del settore, inquadreranno come i velivoli unmanned stanno aprendo una nuova era per le professioni legate alla terra in Italia e all'estero, denominata "Precision farming" (agricoltura di precisione). Saranno analizzati in dettaglio molti casi concreti per capire i grandi vantaggi che la tecnologia dei droni offre per ottimizzare i fattori produttivi, per il monitoraggio eco-sostenibile dei campi, per la lotta agli infestanti, per la coltivazione vitivinicola e risicola, e altro ancora.

Un altro importante convegno del giorno è "La cultura della safety nell'utilizzo dei droni: necessità o opzione?". L'evento, organizzato con il contributo di Fondazione 8 Ottobre 2001, eccellenza riconosciuta per il contributo alla safety aeronautica, è rivolto a fare luce e anche a sensibilizzare il pubblico sui criteri inderogabili della sicurezza aerea tra i costruttori, operatori e utenti di velivoli a pilotaggio remoto.

L'evento che chiude la mattinata è "Soccorso a pilotaggio remoto - Possibilità ed esigenze operative negli scenari critici": con rappresentanti di Protezione Civile Umbria, Croce Rossa Italiana e Corpo Forestale dello Stato, insieme alle aziende si spiegherà come i droni possono aiutare concretamente i cittadini in molti scenari critici. Dall’effettuare collegamenti spot con aree isolate, al trasporto di piccoli carichi urgenti, fino a compiere misure e rilevamenti in contesti ostili all’uomo.

Nel pomeriggio si parlerà invece anche di "Riprese e fotografia con i droni" partendo dall'esperienza di Olafilm, startup cinematografica che ha collaborato alle riprese del film italiano candidato agli Oscar 2015, "Il Capitale umano", divenendo di fatto la prima unit di droni sul set di una importante produzione italiana.


Negli altri convegni e workshop della giornata, le aziende presenteranno soluzioni innovative per l'impiego di droni in questi e molti altri settori professionali. Si capirà come volare assicurati e con mezzi sicuri e che ottemperano alle direttive del Regolamento ENAC. Verrà anche presentato un bando per il primo concorso fotografico riservato ai droni e verrà raccontata l'esperienza di un Fab-Lab, le officine produttive del futuro grazie alla Stampa 3D.

Dronitaly accoglie anche un'area espositiva in cui sono presenti 50 aziende provenienti da tutta Italia per presentare le ultime novità al pubblico. Ci sono i produttori dei droni insieme a chi progetta e realizza la sensoristica e i software per la lettura dei dati in real time, necessari a tutti gli utilizzi professionali, insieme agli operatori che già impiegano i droni equipaggiati con le soluzioni tecnologiche più all'avanguardia per attività quali: l'agricoltura, il cinema, i cantieri, la protezione e il rilevamento, e molte altre ancora.
Leggi il Resto »

23 ottobre 2014

Droni: DJI aggiunge il più all' S1000, in arrivo il nuovo DJI S1000 Plus


La DJI Innovations ha annunciato oggi il nuovo ottocottero DJI S1000+. Si tratta di un'evoluzione dell'attuale S1000 che, come indica la presenza del +, migliora ma non stravolge il progetto originale. L' S1000+ eredita la struttura ripiegabile e il design complessivo della versione che va a sostituire ma è stato ulteriormente ottimizzato per portare in volo un peso complessivo di 11 Kg. Circa 1 Kg. in più rispetto all' S1000 anche se motori, esc ed eliche rimangono gli stessi.

Il Plus ha una nuova "distribution board " per l'alimentazione elettrica, i supporti dei motori e dei bracci sono di materiale plastico al posto dell'alluminio impiegato nella versione precedente.

Dal momento che il peso senza batteria ne gimbal è di 4.4 Kg.  l' S1000+ può portare in volo tutti i gimbal della famiglia Zenmuse Z15 e la maggior parte delle macchine fotografiche, compresa la famosa 5D Mark III.


AUTONOMIA DI VOLO
Un test della DJI ha rilevato che l' S1000+ con una batteria a 6S da 16000 mAh, con installato un Gimbal Zenmuse Z15, per un peso complessivo di  6.8Kg, ha raggiunto un'autonomia di volo di 15 minuti, in modalità hovering a 2 metri di altezza.

LA NOVITA' PIU' IMPORTANTE ?  IL PREZZO
A parte piccole migliorie sull'ammortizzazione del supporto per il Gimbal allo scopo di eliminare le vibrazioni, la novità più importante del DJI S1000+ è il prezzo: sarà venduto a partire da Novembre a 1750€ contro i 3390€ attuali del S1000. Decisamente un grande miglioramento

Per ulteriori informazioni: DJI Spreading Wings S1000 Plus

Leggi il Resto »

Un Drone riprende un giro di pista di Valentino Rossi al Motor Ranch di Tavullia


Il Motor Ranch di Tavullia è una pista da motocross, o meglio da dirt track, ovvero un tracciato non asfaltato dove la scarsa aderenza consente di ottenere derapate e sbandate controllate,  creata alcuni anni fa da Valentino Rossi per allenarsi e per divertirsi assieme ai suoi amici. Recentemente è diventata una struttura d'appoggio per la VR46 Accademy, la scuola per formare giovani piloti fondata da Valentino Rossi.

Probabilmente per la prima volta, un drone multirotore in configurazione ottocottero basato su elettronica DJI Innovations, ha ripreso la pista dall'alto filmando un giro di pista di Valentino, rendendo una visione d'insieme del tracciato ed esaltando i mitici traversi del nove volte campione del mondo di motociclismo.

In sostanza è stato utilizzato il drone multirotore come l'equivalente in piccolo dell' elicottero delle riprese aeree del motomodiale, mentre alcune GoPro, installate sui caschi, rappresentavano l'equivalente delle telecamere montate sulle Moto GP
[Photo credit: youtube - valentinorossiracing ]



Leggi il Resto »

22 ottobre 2014

A Dronitaly la Skyrobotic: migliore impresa Europea per l’innovazione e la leadership nel settore dei Droni Civili


Skyrobotic, società attiva nello sviluppo, progettazione, produzione in serie e commercializzazione di sistemi aeromobili a pilotaggio remoto (SAPR) nelle classi mini e micro per usi civili e commerciali, parte del gruppo Italeaf, è orgogliosa di annunciare di essere stata premiata quale “Migliore Impresa Europea per l’Innovazione e la Leadership nel settore dei droni civili” nell’ambito del prestigioso “IAIR Awards 2014 – European Edition”, consegnato ai consiglieri delegati Michele Feroli e Federico Zacaglioni a Milano, nella suggestiva location di Palazzo Mezzanotte, sede di Borsa Italiana.

Sarà possibile incontrare la Skyrobotic a Dronitaly presso lo stand N.15 e Sabato 25 anche presso la Sala Verde alle ore 13.30 in occasione della presentazione " Prodotti APR e vantaggi competitivi per i voli specializzati - Tecnologia dedicata, regolamentazione, supporto: la “ricetta” per i voli specializzati "

Lo IAIR Corporate Award 2014 è stato assegnato all’azienda aeronautica italiana con la seguente motivazione: “Per essere la prima factory italiana di sistemi aerei a pilotaggio remoto, per la leadership dimostrata nel settore dei droni per uso civile curando l’intera filiera industriale: dalla progettazione all’integrazione di sistema fino alla produzione chiavi in mano di una gamma di prodotti adatta a coprire sia le esigenze di aziende che di operatori specializzati”.

Il presidente di Skyrobotic e del Gruppo Italeaf, Stefano Neri, ha così dichiarato:
Per una start up ad alto contenuto di innovazione e che vuole affermarsi sul mercato in grande crescita dei droni per uso civile come Skyrobotic, ottenere un riconoscimento di così elevato prestigio a pochi mesi dalla sua costituzione è motivo di grande orgoglio che coinvolge per intero il nostro gruppo industriale. Lo IAIR Corporate Award è uno stimolo ulteriore a proseguire nel percorso di crescita dell’azienda, che intende affacciarsi al più presto sugli scenari internazionali con una proposta interamente Made in Italy ad alto contenuto tecnologico e di innovazione. Il Gruppo Italeaf intende confermare il proprio impegno per la costruzione di una filiera di settore, creando valore per i nostri azionisti e nel contempo portando un importante contributo al sistema Paese per intercettare le opportunità di crescita e visione strategica in un settore come quello dei sistemi aerei a pilotaggio remoto con ampi margini di sviluppo nei prossimi anni”.
[Via: Dronitaly ]

Leggi il Resto »

Apre Dronitaly, l'evento professionale sui Droni


Grande attesa per il convegno inaugurale di Dronitaly – Centro Congressi NH Milanofiori, 24-25 ottobre – questo venerdì, 'Aviazione a controllo remoto: normative e sviluppi': l'evento sarà l'occasione per fare chiarezza sull'attuazione del Regolamento ENAC per il volo dei droni a 6 mesi dalla sua emissione alla luce del vademecum aggiuntivo appena pubblicato, insieme ai responsabili delle istituzioni: Carmine Cifaldi (ENAC), Giovanni Torre (ENAV), Cosimo Comella (Garante Privacy) e Luca Tagliagambe (Polizia di Stato).

Nell'occasione, si verificheranno anche alcuni effetti che la piena integrazione dei SAPR nello spazio aereo 'non segregato' avrà sui sistemi aeroportuali. Inoltre, verrà delineato l’attuale quadro normativo rendendo anche conto delle iniziative EU e si approfondiranno le tematiche della sicurezza con la Polizia di Stato.

Dronitaly accoglie anche un'area espositiva in cui saranno presenti 50 aziende provenienti da tutta Italia per presentare le ultime novità al pubblico. Ci saranno i produttori dei droni insieme a chi progetta e realizza la sensoristica e i software per la lettura dei dati in real time, necessari a tutti gli utilizzi professionali, insieme agli operatori che già impiegano i droni equipaggiati con le soluzioni tecnologiche più all'avanguardia per attività quali: l'agricoltura, il cinema, i cantieri, la protezione e il rilevamento, e molte altre ancora.

Qui scaricate l'infografica degli espositori presenti per settore merceologico e provenienza.

Nelle due intense giornate della manifestazione, grazie al supporto di cinquanta tra docenti universitari ed esperti del settore, i 23 appuntamenti in calendario approfondiranno le tematiche legate all'utilizzo dei SAPR nel mondo del lavoro: da come i velivoli unmanned stanno rivoluzionando le professioni di ingegnere, geometra e architetto alla nuova 'agricoltura di precisione'; dalla salvaguardia e la tutela del territorio alle nuove forme di assicurazione per i droni; dalla safety e la privacy all'utilizzo dei SAPR per il cinema e i videomaker, e altre ancora.
Leggi il Resto »

Droni: Nuove Polizze Assicurative presentate da Compagnie e Broker a Roma Drone Conference




Sono pronte le prime polizze assicurative per i droni. Centinaia di queste macchine volanti sono già operative in tutta Italia, ma presto saranno migliaia. E, secondo quanto stabilito dall’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC), dovranno essere tutte assicurate. Compagnie assicurative e broker hanno dunque sviluppato apposite polizze, che saranno presentate ufficialmente il prossimo 12 novembre durante il secondo appuntamento di “Roma Drone Conference”, il ciclo di conferenze sulle applicazioni dei droni in Italia, organizzato dall’associazione Ifimedia e da Mediarkè. Questa conferenza avrà il titolo “Droni, volare sicuri. Nuove polizze assicurative e nuove norme di sicurezza del volo” e si svolgerà presso l’Atahotel Villa Pamphili (via della Nocetta 105 - ore 9-18). La partecipazione è gratuita, ma è necessaria la registrazione, inviando una mail con i propri dati a segreteria@romadrone.it.

Il programma della conferenza, che vede come sponsor Pagnanelli Risk Solutions (PRS) e Italdron, prevede due sessioni. La prima sarà dedicata appunto alle assicurazioni degli Aeromobili a Pilotaggio Remoto (APR) e ha ricevuto il patrocinio da ENAC, Associazione Italiana Brokers di Assicurazione e Riassicurazione (AIBA) e Associazione Nazionale di Risk Manager e Responsabili di Assicurazioni (ANRA). Le nuove polizze assicurative per gli APR saranno presentate dai rappresentanti di importanti compagnie e broker, come PRS, Assicurazioni Generali, Ungaro Insurance Brokers, SATEC e CABI Broker. Le altre relazioni affronteranno i temi del risk management, delle disposizioni sulle assicurazioni contenute nel Regolamento ENAC sugli APR e anche degli aspetti giuridici. Seguirà un dibattito con operatori ed esperti.

“La disponibilità in Italia di polizze assicurative disegnate appositamente per l’utilizzo professionale dei droni è un aspetto cruciale per lo sviluppo di questo nuovo settore tecnologico e imprenditoriale”, ha dichiarato Luciano Castro, presidente di Roma Drone Conference. “Nei primi mesi dopo la pubblicazione del Regolamento ENAC sugli APR, che giustamente imponeva l’assicurazione di questi aeromobili telecomandati, il settore assicurativo italiano era sembrato non trovare soluzioni adatte. Ora però iniziano finalmente a configurarsi le prime ‘polizze per i droni’, in un nuovo mercato che sembra promettere grandi soddisfazioni in futuro anche per le compagnie assicurative”.

La seconda sessione di “Roma Drone Conference” del 12 novembre sarà invece dedicata alle nuove norme per la sicurezza del volo degli APR ed è stata patrocinata dall’Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV), dalla Federazione Aziende Italiane per l'Aerospazio, la Difesa e la Sicurezza (AIAD), dall’Italian Flight Safety Committee (IFSC) e dall’ENAV. L’evento vedrà anche la presenza di uno spazio espositivo, affidato al controllo del Gruppo Securitas Metronotte, in cui alcune aziende specializzate esporranno i loro sofisticati APR ad ala fissa e rotante, insieme a nuovi sistemi per aumentare la sicurezza delle operazioni di volo.
Leggi il Resto »

Prova in volo del micro quadricottero Cheerson CX-30


Il Cheerson CX-30 è un micro quadricottero molto divertente da pilotare che ci è stato inviato da Banggood al fine di provarlo in volo. E' il fratello maggiore del Cheerson CX-10 che avevamo provato ad Agosto da cui eredita il concetto di utilizzare un cavetto USB come caricatore della batteria. Il CX30 ha una diagonale di 12cm, distanza motor to motor. Si può dire che è un quadricottero classe 120. Leggerissimo, pesa soltanto 50 grammi in ordine di volo.

Il contenuto della scatola del CX-30 - In verde il CX-10 per confronto
Dopo un attesa di una ventina di giorni dalla data di spedizione, apriamo la piccola confezione e troviamo all'interno: il Cheerson CX-30,  un radiocomando a 2.4 Ghz, quasi più grosso del quadricottero, una mini batteria LiPo da 1S 500 mAh 20C, il cavetto USB che funziona da caricatore, due eliche di ricambio, un piccolo cacciavite per sostituirle e il manuale d'uso in inglese.



PREPARAZIONE AL VOLO
Una volta estratto il contenuto dalla scatola per prima cosa si apre lo sportellino laterale e si estrae la batteria. Si procede alla ricarica collegandola all'apposito cavetto USB. Una luce arancione posta all'interno del connettore USB segnala la ricarica in corso, spegnendosi a batteria completamente carica. Si prosegue inserendo ben 6 batterie stilo AA da 1,5 volt nel radiocomando che trasmette sulla frequenza di 2.4 Ghz con una portata di circa 50 metri, più che sufficienti allo scopo. Oltre a tale distanza è praticamente impossibile distinguere ad occhio l'orientamento del CX-30 nonostante disponga di luci blu e rosse sui bracci.


Il radiocomando dispone sulla parte destra del pulsante per trimmare eventuali derive a destra - sinistra, mentre la deriva avanti - dietro si trimma con una rotellina posta sulla parte anteriore destra. 

Il Cheerson CX-30 per volare utilizza soltanto giroscopi ed accelerometri, non ha il barometro per il controllo automatico dell'altezza. Ha due modalità di volo selezionabili, una più dolce che limita le inclinazioni massime ed una più aggressiva. Inoltre, tramite l'azionamento di un pulsante sul radiocomando si possono effettuare FLIP sui 4 lati in modo semi-automatico. L'autonomia di volo raggiunge quasi 10 minuti nella versione che abbiamo provato noi priva di telecamera. Infatti esiste anche una versione di Cheerson CX-30 dotata di telecamera da 0.3 MP 

COME VOLA
Il quadricottero si comporta in modo egregio, molto facile da pilotare adatto ai principianti che vogliono imparare a pilotare. A loro consigliamo l'utilizzo in esterno, in assenza di vento e in un giardino con sotto dell'erba che in caso di caduta ammortizzerà il colpo senza provocare danni.

COSA CI E' PIACIUTO DEL CHEERSON CX-30
  • Divertente, facile da pilotare e da ricaricare, molto consigliato a chi desidera imparare a pilotare
  • Comportamento di volo sempre lineare che si avvicina a quello dei quadricotteri più grandi
  • Buona la portata del radiocomando e il feeling degli stick
  • Leggero, non si rompe anche se cade da qualche metro di altezza a patto che vi sia del terreno erboso
  • Autonomia di circa 10 minuti
  • Prezzo

CI E' PIACIUTO MENO
  • Batteria che si scalda molto
  • Il numero di pile ( 6 ) necessarie per il radiocomando

PREZZO
Il modello che abbiamo provato noi, Banggood Cheerson CX-30,  costa circa 25€ ( eventuali spese doganali escluse )

IL VIDEO DI PROVA DEL CHEERSON CX-30

Leggi il Resto »

21 ottobre 2014

Nuovo Firmware 2.08 dalla MikroKopter


Leader nel settore dei droni multirotori fino al 2010-2011, la MikroKopter, nonostante abbia perso la leadership sul mercato a favore dei costruttori cinesi, continua ad essere un riferimento per molti professionisti delle riprese aeree e per i mezzi con elettronica ridondata dedicati alle operazioni in scenari critici ( leggi anche: Come adeguare un MikroKopter alle operazioni critiche )

Da pochi giorni il costruttore tedesco ha rilasciato l' aggiornamento Firmware 2.08, vediamo le principali novita

Boat Mode 

 

Si tratta di una novità  molto attesa e gradita da parte di chi ha la necessità di decollare da mezzi in movimento, come barche, navi e automezzi. In precedenza l'obbligo di attivare la calibrazione dei giroscopi prima del decollo rendeva molto difficoltoso l'utilizzo di un mikrokopter in queste circostanze. 




Con la modalità Boat Mode viene richiamata la calibrazione memorizzata nel momento in cui si era fatta la calibrazione degli accelerometri. Mikrokopter consiglia di fare la calibrazione degli accelerometri qualche ora prima del decollo in Boat Mode per aggiornare i valori in memoria. Per richiamare il Boat Mode bisogna portare lo stick del gas in alto a sinistra e lo stick del pitch&roll in basso a destra ( se il radiocomando è in mode 2 )

Simulatore di Volo


Su MkTools è stato aggiunto un nuovo tasto relativo al " Flight Simulation ". Premendolo, con il multirotore collegato, si attiva un vero e proprio simulatore che replica il comportamento del mikrokopter, come se volasse realmente. E' possibile pilotare in manuale, via radiocomando, oppure in automatico disegnando un percorso a waypoint come si fa normalmente nei voli reali. Tutti i dati del volo simulato vengono memorizzati sulla scheda SD della scheda NAVI.


Nuova funzione "Compensazione Tilt" in Altitude Hold

Nella pagine relativa al setting dell' mantenimento dell'altezza su MkTools è stata aggiunta la voce Tilt compesation. E' una funzione che permette di correggere l'eventuale tendenza a scendere di quota quando si viaggia in altidude hold.


Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Firmware-2.08


Leggi il Resto »

20 ottobre 2014

Da Sereno Variabile a Dronitaly, ecco la Dron-emotions


Chi Sabato scorso ha avuto modo di seguire la puntata di Sereno Variabile, trasmessa su RAI2, avrà certamente notato le suggestive immagini aeree del delta del Po e altri scorci paesaggistici ripresi dall'alto nelle zone di Comacchio e di Argenta, in provincia di Ferrara. 

Gran parte delle riprese aeree trasmesse dalla popolare trasmissione di RAI2 sono state effettuate dalla Dron-emotions di Katia Graziosi e Tommaso Codolo, operatore riconosciuto ENAC per effettuare operazioni specializzate con il SAPR QuadPhantom ICS, un Phantom certificato DGAC in Francia dalla FlyingEye che ha permesso di saltare la fase sperimentale ENAC.


Delle riprese aeree trasmesse in televisione ne abbiamo parlato con il pilota riconosciuto ENAC, Tommaso Codolo, che ha condotto l' APR:

" La giornata si è svolta metà ad Argenta e metà a Comacchio. La Rai ci ha contattato per il noleggio del Drone più pilota. Le riprese sono state effettuate seguendo il manuale delle operazioni e l'analisi del rischio. Prima del volo ci siamo informati sui punti precisi da cui avremo volato per poter organizzare delle mappe delle operazioni e zona di buffer. Le operazioni si sono svolte senza problemi,  anche il regista dopo avergli spiegato il regolamento e le limitazioni, ha collaborato per la buona riuscita del lavoro. Purtroppo, quello del regolamento ENAC sui mezzi aerei a pilotaggio remoto, è un aspetto ancora poco conosciuto dai non addetti ai lavori. Il regista è stato una persona d'oro  "

Il segreto del successo della Dron-emotions e quello di coinvolgere ed emozionare coloro che assistono alle proprie produzioni, creando video per condividere emozioni catturando ogni singolo istante da un punto di vista innovativo. L'azienda si occupa di noleggio droni con operatore e piloti per videoproduzioni televisive, cinematografiche, aerial survey. Sfrutta droni di peso di dimensioni ridotte per poter effettuare qualsiasi tipo di servizio, anche il più estremo.

Sarà possibile incontrare la Dron-emotions Venerdi 24 e Sabato 25 Ottobre presso lo stand N.47 di Dronitaly

LA PUNTATA INTEGRALE DI SERENO VARIABILE DI SABATO 18 OTTOBRE

Leggi il Resto »

Aid Package, la scuola di volo Red Baron Club offre l'esame da privatista per il pilota dei Droni



Ne avevamo parlato pochi minuti dopo che l' ENAC l'aveva pubblicata, con l'aggiornamento della nota esplicativa del 9 Ottobre l' Ente Nazionale di Aviazione Civile ha indicato che è possibile studiare da autodidatta e presentarsi ad una sessione di esame presso un'organizzazione riconosciuta per ottenere l'attestato di competenza teorica come pilota di SAPR.

La scuola di volo riconosciuta ENAC, Aeroclub Red Baron Club con due sedi in provincia di Latina  ( Pontinia e a Salto di Fondi ), ha aggiornato la propria offerta formativa dedicando ai privatisti il pacchetto AID PACKAGE.
Di seguito il comunicato con le offerte formative e le novità

 

Corso di Qualificazione Teorica

Seguendo le linee guida dell'ente, si articola quindi in un corso della durata di 33 ore (come previsto dal Dpr n 33/100), suddivise in due fine settimana, per un impegno complessivo di 4 giorni. Il “pacchetto” prevede le lezioni ( per 33 ore), il materiale didattico (fornito su supporto digitale) il contributo di esame. Secondo il syllabus che abbiamo presentato e che Enac ha approvato, la formazione teorica verterà sui seguenti macro-argomenti:
  • La Normativa aeronautica 
  • Le Regole del Volo e le comunicazioni VFR 
  • Metereologia 
  • Navigazione 
  • Peculiarità dei Sapr, nozioni di rischio e danno correlabili all'uso dei Sapr 
  • Doveri e responsabilità del Pilota, documenti di bordo, identificazione dei Sapr 
Alla fine del corso il partecipante dovrà sostenere un esame per verificare le conoscenze acquisite che si articolerà in un questionario a risposta multipla di 70 domande per una durata massima di 120 minuti.

Formula “AID PACKAGE” 

Cogliendo le indicazioni formulate dall'Enac nelle ultima Nota esplicativa ai fini dell'applicazione del Regolamento (9 ottobre us), offriamo un pacchetto di supporto per il privatista che voglia successivamente sostenere l'esame presso la nostra struttura. Il “pacchetto” comprende la fornitura di materiale didattico di ausilio allo studio per il privatista (fornito su supporto digitale) ed il contributo di esame, da sostenere in sede secondo le modalità illustrate poco sopra. 

Scuola di Pilotaggio RC

Quando abbiamo deciso di ampliare la nostra offerta formativa al mondo dei Sapr abbiamo scelto sul nostro territorio un partner qualificato che ci permettesse di offrire la più amplia e qualificata attività didattica.

A tal fine abbiamo stretto un rapporto di collaborazione con la ASD GRUPPO VOLO RC LA FENICE, unica nel territorio pontino ad avere un campo di volo regolarmente autorizzato Enac e la possibilità di svolgere attività in ambiente indoor. Questa associazione svolge inoltre da anni sul territorio una meritoria attività di volo RC con ragazzi con disabilità intellettiva.

Per gli interessati sarà quindi possibile svolgere, a latere del corso di qualificazione teorica, un'attività di scuola di pilotaggio con istruttori di aeromodellismo iscritti all'albo dei tecnici CSEN. Il presidente dell'associazione, Flavio Cammerano, sarà inoltre insegnante teorico del corso, per gli argomenti più “tecnici” inerenti i SAPR

Area per Attività Sperimentali

Previo il raggiungimento di un accordo con la Direzione dell'AeC Red Baron Club, sarà possibile svolgere attività sperimentali nell'area dei campi di volo di una delle nostre sedi. (Salto di Fondi o Pontinia)

Per info:

AeC Red Baron Club

 

 

 

Leggi il Resto »

19 ottobre 2014

Corso per Piloti di Droni in Sardegna, riconosciuto ENAC


Aero Club L’Aquila (aut. ENAC 3672) e Oben srl sono lieti di presentare il primo corso teorico in Sardegna per Piloti APR (Aeromobili a Pilotaggio Remoto) che si terrà a Sassari nel mese di novembre 2014. La durata del corso sarà di 35 ore con esame finale e rilascio dell’attestazione secondo la normativa ENAC vigente (regolamento ENAC Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto del 16 dicembre 2013). 

L’attestazione è titolo necessario per l’ottenimento delle Autorizzazioni ENAC per l’uso di APR a scopi professionali. Sede e date saranno a breve disponibili sul sito www.oben.it 

Programma del Corso Teorico APR 

- Nozioni di base di Aeronautica (5 ore)
- Aerodinamica e Meccanica del Volo (5 ore)
- Meteorologia (3 ore)
- Cenni di Medicina Aeronautica (2 ore)
- Safety (4 ore)
- Principi di Elettronica, Radiocomunicazione e Meccanica (10 ore)
- Normativa ENAC su APR (3 ore)
- Regole pratiche di Pilotaggio APR (3 ore)

Il corso è riservato esclusivamente a persone maggiorenni. Non è richiesta alcuna conoscenza propedeutica specifica. Ai possessori di licenza aeronautica o attestato VDS in corso di validità verranno riconosciute 15 ore relative alle materie similari (Aerodinamica e meccanica del volo, Nozioni di base, Meteorologia, Medicina) riducendo il corso a 20 ore per le sole materie relative a : Principi di elettronica, Radiocomunicazioni e meccanica, Safety, Regole di pilotaggio, Normativa ENAC.

A breve seguiranno anche altre tipologie di corso: pratico, avanzato, fotogrammetria aerea etc.

Info e prenotazioni 

info@oben.it (+39) 328 2320752 (Oben srl)
oppure (+39) 324 5337367 (AeC AQ)

Leggi il Resto »

Mini e micro Droni per divertimento ma anche per il lavoro aereo del futuro


La presentazione di un prototipo di un mini UAV 270,  un mini quadricottero con dimensione diagonale di 27 cm, ci dà l' occasione di parlare di questi mini mezzi a pilotaggio remoto che stanno riscontrando un crescente interesse.

MINI QUADRICOTTERO UAV 270
L' UAV270 è un prototipo di mini drone dalle caratteristiche molto interessanti. Il telaio è costruito in carbonio in configurazione a I, con una diagonale di 270mm, dimensioni che permettono di ospitare eliche da 6" x 4,5. Particolare il mini carrello di atterraggio, composto da strisce ricurve di carbonio, e il "rollbar" per proteggere la scheda elettronica di controllo. 

La presenza del GPS e della flight control VR Micro Brain della Vitrualrobotix, differenziano questo esemplare dai suoi simili per la possibilità di utilizzare le funzioni di volo automatico, presenti nell'autopilota, che consentono sia il GPS hold, il mantenimento dell'altezza, il ritorno a casa automatico, la navigazione a waypoint e l'atterraggio automatico. Insomma tutte le funzioni presenti nel firmare APM:Copter, telemetria ed uso del mission planner comprese.


UN CONCENTRATO DI TECNOLOGIA IN POCHI CM DI SPAZIO
A bordo di questo mini quadricottero sono presenti una microtelacamera ed un trasmettitore video a 5.8 Ghz per inviare le immagini di volo allo schermo LCD o ai video-occhiali del pilota che si orienta come se si trovasse sopra il velivolo: è il cosiddetto volo in prima persona FPV. Il dimensionamento è stato fatto in modo da poter portare in volo anche una GoPro 3, per registrare video e scattare foto ad alta definizione. Fondamentale è la competenza del costruttore in quanto l'estrema vicinanza dei componenti può generare disturbi ai sensori dell'autopilota, GPS e compasso elettronico in primis, influendo sul comportamento di volo nelle modalità avanzate.
Le specifiche complete: 

VR Micro Brain
Sunny Sky 2204 2300kv
12A Quadrysteria ESC
6"x4.5 props
2700Mah Zippy compact 3s
Gopro Hero Black 3+
Sony 600 TVL
Twin Variable Bec, mini PDB
Integrated LEDs leads to the VR Brain Micro (GPS "Yellow", ARM "Green")
915 Mhz, 3DR Telemetry
Minim OSD

MEZZI NON SOLO DA DIVERTIMENTO, CANDIDATI AL LAVORO AEREO DEL FUTURO
Un concentrato di tecnologia che permetterebbe lo svolgimento di numerosi lavori aerei, in particolare i rilevamenti tecnici di tetti e strutture, ricerca e soccorso ( le minime dimensioni gli consentono passare all'interno di alberi e attraverso le finestre delle case, si pensi ad un evento tellurico o ad un incendio ) e molte altre applicazioni. Facilitati a livello normativo dal fatto che le dimensioni sono minime così come il peso, tipicamente sui 500-600 grammi in ordine di volo. Qualità che abbassano di molto il rischio di fare male alle persone in caso di malfunzionamento e che potrebbero aprire la strada alle operazioni critiche ENAC, ovvero agli impieghi negli scenari urbani e popolati.

UNO DEI PRIMI VOLI DI TEST CON RITORNO A CASA AUTOMATICO
Come si può notare dal video, nonostante le minime dimensioni il minidrone se la cava anche in presenza di vento moderato e, considerato che è un volo di test ai fini di ottimizzare i parametri di volo, anche il ritorno a casa automatico con relativo atterraggio è stato eseguito discretamente

[Photo credit: Tearig ]



Leggi il Resto »

18 ottobre 2014

SafePhantom, il Phantom certificato di FlyingEye adesso ha il paracadute! La presentazione a Dronitaly


FlyingEye, dal 2009 il più grande costruttore certificato e operatore francese di SAPR ad uso civile, presenterà a Dronitaly alcune succose novità che ha concesso in anteprima a Quadricottero News

SafePhantom

Visitando lo stand n.47 si potrà vedere e toccare con mano il SafePhantom ( nella foto sopra ), una variante del quadricottero DJI Phantom 2, dotato di terminatore del volo e di paracadute pirotecnico, che ha ottenuto recentemente la certificazione in Francia dalla DGAC. Come già accaduto per il precedente QuadPhantom ICS, anche per l'acquirente del SafePhantom sarà possibile saltare la fase sperimentale ENAC ed essere riconosciuto per le operazioni specializzate, ovviamente a patto che siano soddisfatti tutti gli altri requisiti che riguardano l'idoneità dell'operatore.

Il SafePhantom verrà fornito con l'attestazione del certificato di tipo DGAC, un “manuale di volo e manutenzione” in italiano e un vademecum “analisi dei rischi” specifico al mezzo.

Secondo l' Ing. Andrea Torri, responsabile per le operazioni internazionali della FlyingEye, la presenza del paracadute ad attivazione pirotecnica e ad apertura rapidissima, il terminatore del volo, il peso di soli 1,5 Kg. totali con installati iOSD, TX Video e altri accessori,  renderanno l'APR idoneo ad essere autorizzato anche per le " operazioni critiche con alcune limitazioni " : non sarà possibile sorvolare uno stadio pieno di spettatori ma si potrà volare in aree urbane fino ad una certa densità abitativa.

"Il nostro modello precedente, il Phantom ICS, era già stato autorizzato in Francia dalla DGAC e riconoscuto in Italia dall' ENAC per le operazioni specializzate non critiche. Adesso, con l'evoluzione del SafePhantom, chiederemo all' ENAC l'autorizzazione per le operazioni -critiche con alcune limitazioni-. Mal che vada, il cliente sarà comunque sicuro che il suo Phantom non volerà mai via e non rischierà nemmeno più di spaccarlo grazie alla presenza del paracadute " ha affermato l' Ing. Andrea Torri

In occasione di Dronitaly, la FlyingEye venderà il SafePhantom ad un prezzo promozionale fino al 31 Ottobre. Prezzi e caratteristiche complete, compresi gli accessori in dotazione, saranno resi noti presso lo spazio espositivo dell'azienda.

 

Promozione " Scommetti le Critiche "

 

Un'altra novità, unica nel suo genere, sarà la presentazione della promozione " Scommetti le Critiche ".

Si tratta di una sorta di scommessa che la FlyingEye farà con l'acquirente di un APR candidato ad essere autorizzato dall' ENAC alle operazioni critiche.

 L'azienda francese, forte dell'esperienza con la DGAC, è talmente sicura di raggiungere l'obiettivo della certificazione di tipo sul suo APR o, in alternativa, che l'operatore ottenga l'autorizzazione per le operazioni critiche, che è disposta a non incassare il 30% del valore della vendita in caso di esito negativo.

L' APR in questione è basato su elettronica ridondata Mikrokopter e con doppio paracadute balistico che, uniti alla configurazione ad otto motori, garantiscono la resistenza del SAPR  alla " singola failure" come richiesto dall' ENAC.
Ne sapremo di più tra pochi giorni allo stand FlyingEye a Dronitaly

Leggi il Resto »

Droni: Corso teorico per Piloti APR a L' Aquila, riconosciuto ENAC


Aero Club L’Aquila e Oben srl sono lieti di presentare il primo corso teorico per Piloti APR (Aeromobili a Pilotaggio Remoto) secondo la recente normativa ENAC che si terrà a L’Aquila nei giorni 25, 26, 27 e 28 Ottobre 2014. La durata del corso sarà di 35 ore con esame finale e rilascio dell’attestazione secondo la normativa ENAC vigente (regolamento ENAC Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto del 16 dicembre 2013).

Per info e prenotazioni : 

info@aeroclublaquila.it
tel. ( +39 ) 324 5337367 (AeC AQ)
oppure tel. (+39) 328 2320752 (Oben srl)

 

Programma del corso teorico APR

Sabato 25 Ottobre
Mattina :
  • Ore 09:00 – 09:15 Accoglienza e registrazione partecipanti 
  • Ore 09:15 – 11:15 Nozioni di base di aeronautica 
  • Ore 11:15 – 11:30 Pausa caffè
  • Ore 11:30 – 13:30 Aerodinamica e meccanica del volo 
  • Ore 13:30 – 14:30 Pausa pranzo 
Pomeriggio :
  • Ore 14:30 – 16:30 Nozioni di base di aeronautica 
  • Ore 16:30 – 16:45 Pausa caffè 
  • Ore 16:45 – 19:45 Aerodinamica e meccanica del volo 
Domenica 26 Ottobre: 
Mattina :
  • Ore 09:00 – 11:00 Meteorologia 
  • Ore 11:00 – 11:15 Pausa caffè 
  • Ore 11:15 – 13:15 Medicina aeronautica 
  • Ore 13:15 – 14:30 Pausa pranzo 
Pomeriggio :
  • Ore 14:30 – 15:30 Nozioni di base di aeronautica 
  • Ore 15:30 – 16:30 Meteorologia 
  • Ore 16:30 – 16:45 Pausa caffè 
  • Ore 16:45 – 18:45 Safety 
  • Ore 18:45 – 19:45 Normativa ENAC 
Lunedì 27 Ottobre: 
Mattina :
  •  Ore 09:00 – 11:00 Elettronica
  • Ore 11:00 – 11:15 Pausa caffè 
  • Ore 11:15 – 13:15 Normativa ENAC 
  • Ore 13:15 – 14:30 Pausa pranzo 
Pomeriggio :
  • Ore 14:30 – 16:30 Safety 
  • Ore 16:30 – 16:45 Pausa caffè 
  • Ore 16:45 – 18:45 Elettronica 
  • Ore 18:45 – 19:45 Regole pratiche di pilotaggio
 Martedì 28 Ottobre:
 Mattina :
  • Ore 09:00 – 11:00 Elettronica 
  • Ore 11:00 – 11:15 Pausa caffè 
  • Ore 11:15 – 13:15 Elettronica 
  • Ore 13:15 – 14:30 Pausa pranzo
 Pomeriggio :
  • Ore 14:30 – 16:30 Elettronica
  • Ore 16:30 – 16:45 Pausa caffè 
  • Ore 16:45 – 17:45 Domande e chiarimenti
  • Ore 1 7 :45 – 19:45 Esame finale 

Docenti : 

Marco Balsi (Oben srl) è dottore di ricerca in ingegneria elettronica e ricercatore presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, Elettronica e Telecomunicazioni dell’Università “La Sapienza” di Roma. Si occupa di sistemi cognitivi, controllo di aeromobili senza equipaggio (APR), tecnologie per lo sminamento umanitario, è autore di circa 100 pubblicazioni scientifiche e di tre brevetti. È titolare di corsi universitari di elettronica e teoria dei circuiti da circa 15 anni.

Giovanni Carugno è un Pilota professionista attualmente impiegato su aeromobili Boeing B767 - 300ER su tratte di lungo raggio. E’ inoltre Istruttore di volo e responsabile dell’addestramento dell’Aero Club L’Aquila. Pilota acrobatico, ha partecipato a competizioni del campionato Italiano di acrobazia aerea. All’attivo ha circa 9.000 ore di volo.

Valerio Tarquini è un Pilota professionista attualmente impiegato come Istruttore di volo presso l’ Aero Club L’Aquila . Oltre all’ attività di volo , ha maturato una notevole esperienza nella didattica teorica divenendo responsabile dell’addestramento teorico della scuola di volo . Titolare di tutti i titoli professionali aeronautici , ha al suo attivo circa 1. 600 ore di volo.

Leggi il Resto »